Benvenuti sul blog di cronosomatica

  • Temi del blog: cronosomatica, psicobiologia del trauma emotivo, riflessioni e strategie di sopravvivenza per vivere più leggeri

mercoledì 17 luglio 2019

Omonimia e figlio sostitutivo

Fonte immagine: archivio Di Spazio


La lapide riproduce lo straziante ricordo dei genitori che hanno perso due figlie in tenera età. 
La prima Maria è nata e morta il 14 gennaio 1911, la seconda Maria è nata il 24 marzo 1913 e mancata il 30 gennaio 1917.
In questo caso si manifesta quello che in psicogenealogia prende il nome di "figlio sostitutivo", cioè il tentativo di cancellare il dolore per la perdita di un figlio con l'assegnazione dello stesso nome a quello che segue. 
Il risultato è quello di caricare involontariamente su questo figlio il carico tossico legato allo spettro del primo. 
Nel caso delle due Marie si evidenzia pure una sindrome d'anniversario dai risvolti letali: la seconda Maria muore nello stesso mese di gennaio, in cui è mancata la primogenita. Il caso riportato mette luce sul ruolo imperscrutabile e misterioso del Tempo sulla biografia degli umani.

domenica 19 maggio 2019

Time Rewind Technique (TIRET) e resilienza nella prima infanzia



E' possibile misurare potenziali flessioni della resilienza nella prima infanzia, dalla nascita ai 6 anni di età? Si tratta di un interrogativo importante, perché spesso e volentieri i Pazienti sospettano l'esposizione a un evento stressante in quella fascia di età senza poter mettere in luce un ricordo cosciente. La somministrazione del Time Rewind Walking Test (TRWT, Di Spazio, 2019) consente di evidenziare potenziali flessioni della resilienza nella prima infanzia e di intervenire per incrementare l'adattabilità neuro-emotiva del soggetto alla pressione ambientale di quel lontano contesto biografico. 

lunedì 13 maggio 2019

Time Rewind Walking Test (TRWT, Di Spazio 2019)

Fonte immagine: archivio Di Spazio
(courtesy of dr A. Greco)

Il Time Rewind Walking Test (TRWT, Di Spazio 2019) è un test posturale dinamico e statico per misurare in modo non cognitivo la resilienza dell’individuo nella timeline, cioè nella dimensione del Tempo, anziché in quella dello Spazio. E’ particolarmente utile dopo l’esposizione a un evento avverso (lutto, divorzio, licenziamento, etc.)  e dopo un incidente con compromissione temporanea dell’apparato osteo-muscolare. Si rivela molto utile negli sportivi professionisti per mettere in luce condizioni di ridotta resilienza nel tempo e per ripristinare più rapidamente l’equilibrio psico-emotivo (e non soltanto). La termografia a infrarossi è molto utile per questo tipo di valutazione, poiché consente di evidenziare le asimmetrie termogeniche come nell’immagine riprodotta (si nota una maggiore emissione termica nel lato sinistro del corpo.


martedì 30 aprile 2019

Amnesia globale transitoria e collasso temporale

Fonte immagine: archivio Di Spazio



L’amnesia globale transitoria (transient global amnesia) è una sindrome contraddistinta da improvvisa e temporanea perdita del ricordo di eventi durante, dopo e a volte prima dell’evento che l’ha causata. Si manifesta solitamente nelle persone di età compresa fra 50 e 70 anni, ma può presentarsi anche in altre fasce anagrafiche. 
Non è nota la sua eziopatogenesi, ma può essere scatenata da stress emotivo, consumo di alcolici, sforzi fisici, dolore.  
Di norma, la durata dell’amnesia globale transitoria è compresa fra 1 e 8 ore; si associa molto spesso a disorientamento spazio-temporale (numbing spazio-temporale). 
Gli studi in cronosomatica ipotizzano che l’amnesia globale transitoria (Di Spazio, 2019) rappresenti sostanzialmente un collasso temporale, uno spostamento nella timeline del soggetto, che si trova riesposto a una pregressa esperienza traumatica. 
In altre parole, la persona viene colpita da questo vuoto temporaneo di memoria, perché è delocalizzata nella dimensione del Tempo con spostamento dal Presente al Passato, in un punto dove è stata registrato un evento avverso.

domenica 28 aprile 2019

Time Rewind Technique (TIRET) e disturbo da stress post traumatico

Fonte immagine: archivio Di Spazio


La Time Rewind Technique© (TIRET, Di Spazio, 2019) è una innovativa procedura che viene utilizzata per intervenire in modo proattivo sugli effetti del disturbo da stress post traumatico (PTSD). La procedura si basa sulle recenti acquisizioni in neurobiologia e psicologia, che mettono in luce la biunivoca interazione fra apparato locomotore e movimento nella dimensione del Tempo. In altre parole, il movimento in avanti attiva lo spostamento nel Futuro, quello indietro riproduce il richiamo del Passato. Inoltre, le ricerche di Miles, Nind e Macrae dimostrano il coinvolgimento del tono posturale in relazione al movimento lungo la linea del Tempo. La tecnica presenta notevoli vantaggi:
1.  Rapidità con cui viene istruito il Paziente per condurre la procedura (tempo stimato 20-25 minuti).
2.  Nella fase iniziale viene evitata l’evocazione attiva dell’esperienza traumatica, di norma fonte di intenso disagio.
3.   La procedura viene effettuata, cercando di promuovere la focalizzazione sul movimento.
4.   La tecnica stimola il coinvolgimento attivo del Paziente (input motivazionale), che ripete la sequenza in modo autonomo in ambito domiciliare.
5.  La procedura viene ripetuta da 1 a più volte al giorno (secondo le indicazioni dell’operatore per blocchi di 10 giorni. A discrezione dell’operatore soltanto alla fine di ogni blocco (primo, secondo o terzo) il Paziente viene invitato a ricordare l’esperienza per l’autovalutazione della risposta emotiva.

Bibliografia:

1. Aksentijevic ABrandt KRTsakanikos EThorpe MJAIt takes me back: The mnemonic time-travel effect. Cognition. 2019 Jan;182:242-250. doi: 10.1016/j.cognition.2018.10.007. Epub 2018 Oct 24.
2.    A. Aksentijevic, J.M.G. Treider. It’s all in the past: Deconstructing the temporal Doppler effect.   Cognition, 155 (2016), pp. 135-145
3.    L. Rinaldi, F. Locati, L. Parolin, N.F. Bernardi, L. Girelli.Walking on a mental time line: Temporal processing affects step movements along the sagittal space. Cortex, 78 (2016), pp. 170-173
4.  M. Hartmann, F.W. Mast. Moving along the mental time line influences the processing of future related words. Consciousness and Cognition, 21 (2012), pp. 1558-1562
5.     L.K. Miles, L.K. Nind, C.N. Macrae. Moving through time. Psychological Science, 21 (2010), pp. 222-223
6.     L. Boroditsky, M. Ramscar. The roles of body and mind in abstract thought. Psychological Science, 13 (2002), pp. 185-188



giovedì 25 aprile 2019

Emozionologia e "solitarietà"

Fonte immagine: archivio Di Spazio

La solitudine è un sentimento di dolorosa separazione, di distruttiva disconnessione dal mondo e dagli affetti; un esempio di solitudine è la cosiddetta hikikomori (stare in disparte, isolarsi), una patologia che colpisce soprattutto i maschi adolescenti giapponesi di classe media (disturbo della sfera emotiva che si sta diffondendo anche in Occidente). 
Ma esiste una variante positiva della solitudine? 
Sembrerebbe di sì, a giudicare dalle parole di Cristina Kicca Lanzoni, in un’intervista rilasciata a Enzo Barillà il 4 dicembre 2017, giorno di Santa Barbara, protettrice dei minatori. 
Cristina Kicca Lanzoni, allieva di Maurizio Montalbini (1953-2009), detiene il primato mondiale femminile di permanenza in grotta; ha trascorso 268 giorni (impresa terminata il 20 aprile 1995) in isolamento spazio-temporale nel laboratorio Underlab, costruito nell’Abisso Ancona delle grotte di Frasassi (AN). 
Ho già menzionato la sua incredibile impresa nel mio ebook Speleoterapia: azione e cura nella sezione dedicata alla speleonautica, ma in questa occasione il suo nome è legato al neologismo da lei coniato: solitarietà
Si tratta di un sentimento che descrive come “una vita in solitaria ma non in solitudine”. Nel totale isolamento ipogeo, condizione potenzialmente devastante per la maggior parte degli umani, Cristina Kicca Lanzoni ha sviluppato un sentimento raro, ma possibile e che merita a pieno diritto di rientrare nell’Atlante dell’Emozionologia: la solitarietà.

domenica 7 aprile 2019

The Time Rewind Technique (Di Spazio, 2019)

Fonte immagine: archivio Di Spazio

La procedura denominata Time Rewind Technique (Di Spazio, 2019) esalta le potenzialità dell’apparato locomotore come strumento di regressione nella dimensione del Tempo per depotenziare l’effetto di eventi passati che hanno influenzato negativamente la resilienza dell’individuo. Si tratta di una procedura estremamente semplice, ma di grande aiuto nel percorso di guarigione emotiva; la procedura viene effettuata dal soggetto in totale autonomia e viene ripetuta da 1 a 3 volte al giorno per un periodo di 3 settimane. 
Al termine del periodo di addestramento il soggetto viene invitato a ricordare l’esperienza stressante per valutarne la risposta emozionale.
Se la procedura è stata efficace, il soggetto visualizza la memoria dell’evento come immagini che hanno perduto gran parte della loro carica emotiva conflittuale (passaggio da Vittima dell’Evento a Osservatore).

Come raggiungere l'Ambulatorio di Omeopatia Dr. Di Spazio

Tag Cloud (etichette)

100000 contatti (1) A (1) accettazione (1) Acquired savant syndrome (1) adattogeno emozionale (1) Age-Taping (2) AgeGate Code (2) Akasha (1) Albero genealogico e traumi (1) Alibi (1) amnesia globale transitoria (1) Anne Ancelin Schuetzenberger (2) Aquanesting (4) aromaterapia (1) arte dello spostamento (1) astenia post-dialitica (1) attaccamento (1) Attacchi di panico (1) avere naso (1) azione positiva (4) bastone MiBo (1) biotimemachine (4) breviario di cronoriflessologia (1) Brian Weiss (1) Bruce Lipton paura (1) bussola olfattiva delle emozioni (1) campi e.m. deboli (1) cattivo suggeritore (1) cellula tumorale (1) CFS/ME (1) chakra del tempo (1) Chirone (1) chronoloop (1) ciclicità (1) collasso temporale (1) convegno MyLife 2010 (1) Convegno Sirmione 2013 (1) corpo come astronave (1) corpotempo (1) Corso residenziale di Floriterapia integrata (1) corteccia entorinale (1) credenze (2) cronocettore sistemico (1) cronoposturologia (1) cronoriflessologia (3) cronoriflessologia plantare (4) Cronosomatica (1) cyber-therapy (1) DCMS (1) debolezza da dialisi (1) Defusione Cognitiva a Mediazione Computazionale (2) Defusione Cognitiva a Mediazione Sensoriale (5) Destino (1) diffidenza (1) disturbo da stress post traumatico (1) Ebook (2) Ebook "Positive Making. La Mente è gelosa dell'Azione" (1) Ebook di Stefano Scola (1) ebook gratuito (1) Edward Bach (2) Ego rettiliano (1) elephant memory (1) elettrosmog (2) Elettrosmog e Fiori di Bach (1) emoji (1) Emotionology 1785 (1) Emotisniff (2) emozioni (2) Emozionologia (2) Empaticità (1) equilibrio posturale (1) Erich Koerbler (2) età-chiave (1) eventi avversi (1) eventi traumatici (1) Falsa allerta (1) fare spallucce (1) fiori di Bach (1) fiori di BachI (1) Floriterapia (1) floriterapia transdermica (1) flowertaping (1) Fonte i (1) fotomedicina (1) fototerapia auricolare (3) Fototerapia transcranica (2) Francoise Dolto (1) fratture ossee (1) genealogia (1) Giudizio della Mente (1) giudizio della Mente Errante (1) giudizio sentito (2) Gli Gnomi dei Fiori Guaritori (4) glioblastoma multiforme (1) Gregg Braden (1) Human Charger (1) I (2) i 24 chakra del tempo (2) igiene emozionale (2) il corpo non dimentica (1) Il Mantra dell'Azione (1) il non detto familiare (1) il pianto ciclico del lattante (2) il Presente (1) il Suggeritore (1) incidente (1) incidenti (2) inconscio transgenerazionale (1) indecisione (1) inversione della sequenza causa-effetto (1) ipospadia (1) key-age (1) Kitaro (1) L (1) la mappa dei traumi emotivi sul piede (1) la tecnica del pesce scivoloso (1) la tecnica del tronco disteso (2) Le polmoniti di marzo. Il gene emozionale (1) legge di attrazione (1) legge di attrazione temporale (1) lutto negato dell'aborto (1) macropinna microstoma (1) malattia di Parkinson (1) mani giunte sulla punta del naso (1) Mantra dell'Albero Senza Nome (1) Massimiliano I (1) materializzare le emozioni (1) matrix transformation (1) meccanismi di protezione (1) Medicina del Quando (1) medicina indossabile (1) memoria ancestrale (1) memoria somatica (1) memorie genetiche (1) mente (6) mente errante (14) musicoterapia (2) neuromodulazione olfattiva (3) neutrini muonici (1) numero 27 (2) numero sette (2) offline (1) orbs (1) Osiride (1) osteopatia cronosomatica (1) Out of Me (8) Out-of-Me (2) passato reversibile (1) patomimesi transgenerazionale (1) paura (2) pensiero positivo (1) plasma spazio-tempo (8) Postcard from Now and Here (3) Predoi (1) proiezioni mentali (1) psicologia energetica (1) PTSD (1) punto cronoattivo (1) Puppentherapie (1) qui e ora (1) radioterapia (1) rame (1) REBAT (1) Resilience Balance Test (1) resilienza (4) Respiraction Week (1) Richard Bartlett (1) riflesso posturale (1) rino capitanata (1) rivoluzione ecosensibile (1) Robert St John (1) salvagenti (1) savantismo acquisito (1) scompenso cardiaco (1) segni di Koerbler (2) Seminario gratuito (1) sensibilità empatica (1) senso della leggerezza (1) senso di colpa (1) separazione (1) sfida evolutiva (1) sindrome d'anniversario (1) sindrome da stanchezza cronica (1) sindrome del vicolo cieco (1) Sms Emozionale (1) solitarietà (1) solvitur ambulando (1) Somatoglottologia (1) Somatoglottology (4) speleoterapia (6) stato emozionale corrente (1) stress (1) stress da disabilità anagrafica (1) Stress-related Age PointsFonte (1) successo (1) tabù familiare (1) Tatuaggio (1) TCBLT (1) tempo e spazio (1) tempo interstiziale (1) Tempo invertito (1) tempo non-lineare (1) tempo post-riproduttivo (2) tempo quantistico (2) tempo quantizzato (1) Tempo-che-non-scorre (1) teoria ciclica conforme (1) terapeutico (1) terapia metamorfica (1) terapia realtà virtuale (1) test cronoposturale (2) test olfattivo edonico (2) Test olfattivo Emotisniff (1) test posturale (1) test valutazione percezione olfattiva (1) The Time Rewind Technique (2) Time Rewind Technique (1) Time Rewind Walking Test (1) Tiranno Interiore (1) trauma (1) traumi (1) TRWT (1) Ty Ziegel (1) umanoidi (2) Vademecum naturale per chi ha perso il seno (1) variabilità frequenza cardiaca (1) viaggio esteriore (2) Vincenzo Di Spazio (1) visualizzazione (2) vita di coppia (1) vivere più leggeri (1) wearable medicine (1) workshop Nutriva 2014 (1)

Il Canto degli Antenati (video)

Sensibilità Chimica Multipla (M.C.S.)

Sensibilità Chimica Multipla (M.C.S.)
La Sensibilità Chimica Multipla (MCS) è una sindrome immuno-tossica infiammatoria simile, per certi versi, all’allergia e molto spesso scambiata con essa, poiché i sintomi appaiono e scompaiono con l’allontanamento dalla causa scatenante, ma le sue dinamiche e il suo decorso sono completamente diversi, ovvero si perde per sempre la capacità di tollerare gli agenti chimici (questo dal I° stadio). E’ una sindrome multisistemica di intolleranza ambientale totale alle sostanze chimiche, che può colpire vari apparati ed organi del corpo umano: “Le sostanze chimiche danneggiano il fegato e il sistema immunitario sopprimendo la mediazione cellulare che controlla il modo in cui il corpo si protegge dagli agenti estranei; i sintomi si verificano in risposta all'esposizione a molti composti chimicamente indipendenti e presenti nell'ambiente in dosi anche di molto inferiori da quelle tollerate dalla popolazione in generale”.