Benvenuti sul blog di cronosomatica

  • Temi del blog: cronosomatica, psicobiologia del trauma emotivo, riflessioni e strategie di sopravvivenza per vivere più leggeri

martedì 27 dicembre 2011

Il corso non-lineare dell'esistenza

L'esistenza degli umani - come tutte le manifestazioni di questo nostro universo - segue un percorso non-lineare, punteggiato da proiezioni che richiamano la geometria complessa dei frattali. In altre parole la vita viene pensata dalla mente come l'immagine di una linea che unisce due punti A e B nella dimensione dello spazio: non funziona in questi termini, anche se questo sarebbe il suo inconfessato desiderio. La mente pianifica e programma secondo modelli lineari, che non coincidono con i flussi dello spazio-tempo, in cui viviamo immersi durante il ciclo esistenziale. La vita, il corpo, lo spazio e il tempo seguono matrici complesse di frattali, in cui occasionalmente e in apparenza il punto B segue A. Molto spesso il senso di fallimento viene generato dall'applicazione del modello lineare della mente alla dinamica non-lineare della vita e della realtà. Ricordiamoci in ogni momento che gli eventi non vengono guidati dalla nostra mente, ma sono generati dalle interazioni del plasma spazio-tempo! (Fonte immagine: www.informaticapratica.com)

venerdì 23 dicembre 2011

Buon Natale 2011 a tutti!

Questo video è dedicato agli Antenati, le nostre radici silenziose. Il canto mattutino delle piccole creature alate è il canto invisibile di tutti quelli che ci hanno preceduto in questo viaggio: a loro rivolgiamo il nostro pensiero per onorare quanto hanno fatto.

sabato 17 dicembre 2011

Ipospadia e tabù familiare

L'ipospadia è un'anomalia congenita determinata da un incompleto sviluppo dell'uretra; in questo caso il meato urinario è dislocato rispetto alla sua naturale posizione all'apice del glande. In medicina è possibile la correzione chirurgica del deficit anatomico con ripristino del corretto decorso uretrale. Ma per quale motivo si genera questa anomalia congenita? Le ricerche in psicoterapia transgenerazionale ipotizzano in questi casi la presenza di traumi irrisolti nell'ascendenza familiare (anche lontano nelle generazioni). Può trattarsi di un ascendente di sesso maschile, colpevole di un'azione proibita legata alla sfera intima come un rapporto non consensuale, la nascita di un figlio fuori dal contesto familiare, la relazione proibita fra un sacerdote e una donna, una relazione omosessuale. L'individuazione di questi antichi traumi non risolve certamente il deficit anatomico, ma consente la riconciliazione con quel vissuto familiare attraverso tecniche specifiche. (Fonte immagine: archivio Di Spazio)

domenica 11 dicembre 2011

Il Tempo-che-non-scorre

Il Tempo-che-non-scorre è la modalità con cui la Mente consolida nel Reale l'esposizione a un evento avverso (perdita, separazione, conflitto). Il Tempo lineare subisce una battuta d'arresto e la Mente si interroga all'infinito con il mantra negativo del perchè. "Perchè mi è successo tutto questo? Perchè questa punizione, quando mi sono comportato sempre nel migliore dei modi?" Il Tempo-che-non-scorre congela la memoria di un evento avverso e la rilancia all'infinito come la puntina del giradischi inceppata sul vinile graffiato. (Fonte immagine: Claudia Clerici)

venerdì 9 dicembre 2011

Perchè tanta inutile sofferenza?

Perché tanta sofferenza inutile nel mondo degli umani? Non solo per l’adesione a velenosi precetti che intossicano l’esistenza, non solo per le rettiliane strategie della mente che gonfiano in modo incontrollabile il nostro patetico Ego. Molto dolore nasce dalla sostanziale incapacità di sentire l’altro, di percepirlo e rispettarlo come proprio specchio. Solo uscendo dalla nostra misera pelle saremo in grado di compiere finalmente il salto quantico dell’evoluzione; solo sentendoci foglie del medesimo albero, radicato nella terra condivisa degli Avi, potremo risuonare con il vento che parla la lingua di questo misterioso Universo. (Fonte immagine: archivio Di Spazio)

mercoledì 30 novembre 2011

Genealogia e Plasma Spazio-Tempo

Per quale motivo gli eventi dolorosi familiari generano sintomi e disagi nei Discendenti? Se tutto si concludesse con la morte biologica dell'individuo, non avrebbe alcun senso la riverberazione nel tempo di quelle tracce; ma la memoria del Passato si riflette nell'evento del Presente attraverso il collasso temporale (time collapse), una sorta di ciclicità ripetitiva che annoda i fili della Memoria fino alla definitiva estinzione di quel segnale. La traccia di ciò che è avvenuto anche in un lontano passato torna a galla per effetto delle continue fluttuazioni del plasma spazio-tempo. Il plasma spazio-tempo non dimentica e si comporta come un fedele specchio delle vicende umane e di quelle del nostro immenso universo. (Fonte immagine: archivio Di Spazio)

domenica 27 novembre 2011

Legge di attrazione e pitture rupestri

Perchè i nostri Antenati artisti riproducevano sulle pareti di caverne e anfratti immagini di battaglie e scene di caccia? Perchè riempivano le superfici rocciose con la riproduzione del passaggio in velocità di schiere di bisonti? Si tratta della semplice e diretta cronaca di eventi e situazioni vissute in prima persona? Sembra essere questa la risposta più ovvia e immediata. I cronisti preistorici registravano le memorie della loro vita comunitaria sulla parete delle caverne oppure utilizzavano inconsciamente le regole dettate dalla legge di attrazione dell'Universo? Le raffigurazioni con tanti animali sono da leggere come la banale cronaca del passato o come invece il bisogno di rappresentare nella realtà il desiderio profondo di trovare abbondante materia prima per sfamarsi? (Fonte immagine: www.fattoriedonnagiulia.it)

domenica 20 novembre 2011

Aquanesting, Workshop di Rilascio Emozionale

Si è appena conclusa domenica 13 novembre 2011 la 12° edizione di Aquanesting, Workshop di Rilascio Emozionale in acqua termale, che si è svolta con grande successo presso l'Hotel Garden di Montegrotto Terme (Pd). Come sempre, l'incontro è stata una bella occasione per ritrovare Amici affezionati, che si danno appuntamento da un’edizione all’altra per riprodurre in acqua le sensazioni uniche del rilascio emozionale. Gli esercizi in acqua termale, favoriti dalla particolare condizione di microgravità, agiscono in profondità sul riequilibrio della rete energetica corporea; nella parte iniziale della sessione acquatica ogni partecipante focalizza mentalmente il rospo da sputare, in modo da facilitarne il rilascio attraverso il lavoro svolto sui singoli Meridiani. Al termine della sessione, immersi in un’atmosfera onirica dove i raggi del sole mattutino giocano con le nuvole di vapore dell’acqua, i partecipanti salutano e onorano la Memoria dei propri Antenati, accompagnati da una colonna sonora emozionante e coinvolgente. Grazie a Tutti voi, Fedelissimi di Aquanesting per l’onore e la gratitudine di condividere momenti davvero unici! (Fonte immagine: www.vivereverde.blogspot.com)

mercoledì 16 novembre 2011

Trattenere le emozioni, un comando sociale

Siamo stati educati e siamo cresciuti con il comando familiare di occultare agli estranei emozioni e sentimenti. Questo insegnamento contiene un codice di comportamento utile all’interno di un mondo competitivo e aggressivo, anche se nel contempo porta a una pericolosa rimozione dei contenuti emozionali. Nella comunità degli umani è fondamentale esprimere sicurezza, forza e stabilità, indici di valore condiviso; esprimere i propri sentimenti può essere letto come segno di passività e di fragilità. Comunicare le proprie emozioni in ambiti dominati dal confronto aggressivo può generare negative ripercussioni. Ecco perché si diventa adulti dotati di scarsa alfabetizzazione emotivo-affettiva, umani che affrontano l’esistenza in modo circospetto e difensivo. Se non esiste alcuna modalità di comunicare un contenuto emozionale negativo (rabbia, paura, inadeguatezza, etc.) all’interno di una valida rete familiare o amicale, è necessario comunque adottare strategie per sputare i rospi, che fanno ammalare corpo e anima. (Fonte immagine: archivio Di Spazio)

mercoledì 9 novembre 2011

Attacchi di panico e lutto del 1943

Un bambino di otto anni si presenta alla visita, lamentando dall'inizio del 2011 ansia generalizzata e attacchi di panico. I sintomi sono cominciati all'improvviso senza alcun evento scatenante. Anche l'anamnesi fino alla nascita ha escluso possibili esposizioni psicotraumatiche. La domanda è la seguente: perchè il piccolo paziente descrive questa sua sofferenza con il terrore che possa accadere un incidente ai suoi genitori? Solo l'estensione dell'orizzonte temporale indietro nelle generazioni passate, ha permesso la soluzione di questo caso clinico: il bambino era allineato anagraficamente all'età del nonno materno, quando ha perso suo padre (bisnonno del piccolo) durante l'estate 1943 per lo scoppio di una mina che lo ha ucciso sul colpo; la madre del bambino (nipote dello sventurato familiare dilaniato dall'esplosione) era allineata all'età esatta del bisnonno, quando è deceduto. Il duplice allineamento anagrafico (bimbo-madre, nonno-bisnonno) ha riattivato quel terribile evento come se fosse appena successo. (Fonte immagine: comune.iesi.an.it)

domenica 6 novembre 2011

Albero genealogico e traumi emotivi

La biografia di ogni umano si intreccia indissolubilmente con quella dei suoi Antenati e da essa dipende, nel bene e nel male. I limiti cognitivi e biologici imposti alla coscienza non permettono la riemersione di memorie ancestrali che oltrepassino il confine del proprio concepimento. Cosa è accaduto prima di me? La coscienza ignora la risposta, ma il corpo ne è perfettamente consapevole. In che modo? Attraverso la manifestazione del dolore, tipico segnale di memoria, in un momento preciso dell’esistenza (datazione anagrafica). Perché un bambino di 8 anni soffre all’improvviso di inspiegabili attacchi di panico, se non è stato esposto ad alcun evento avverso? Perché è possibile ammalarsi in brevissimo tempo alla stessa età, in cui il nonno paterno (mai conosciuto) è caduto in battaglia durante la 2° Guerra Mondiale? (Fonte immagine: archivio Di Spazio)

sabato 5 novembre 2011

L'ebook "Segni e simboli di guarigione emotiva" è online

Con l'uscita dell'ebook "Segni e simboli di guarigione emotiva" viene finalmente colmata una lacuna per quanto riguarda le scoperte del ricercatore austriaco Erich Koerbler (1938-1994), lo scopritore dell'azione terapeutica di particolari segni e simboli da tatuare direttamente sui punti riflessi cutanei. Uno di questi simboli, la sinusoide, viene anche utilizzata con risultati lusinghieri sulle affermazioni negative per facilitarne il rilascio emozionale. E' importante per i Bioterapeuti, ma anche per coloro che sono interessati al proprio benessere emotivo, conoscere il pensiero di questo geniale studioso.

sabato 29 ottobre 2011

Ebook "Segni e simboli di guarigione emotiva"

Sarà disponibile a breve il mio ultimo ebook dal titolo Segni e simboli di guarigione emotiva, un testo che raccoglie le singolari ricerche dello studioso austriaco Erich Koerbler (1938-1994) sull'uso terapeutico di particolari segni geometrici. I segni vengono disegnati direttamente sulla superficie cutanea in corrispondenza dei punti di agopuntura e di quelli cronoattivi disposti lungo la colonna vertebrale. L'ebook non è rivolto unicamente al pubblico dei Bioterapeuti, ma anche a tutte quelle persone che hanno a cuore la loro trasformazione. Un segno particolare, la sinusoide, viene impiegata graficamente sulle affermazioni negative (da me chiamate Sms Emozionali) per facilitare il processo di rilascio e di adattamento psicoemotivo.

domenica 23 ottobre 2011

Sputare il rospo 01 (Out-of-Me)

Sputare il rospo è la manovra primaria nel programma, che ho denominato Out-of-Me. E' opinione diffusa e condivisa che per sputare un rospo sia necessario comunicare al diretto interessato il motivo del nostro malessere. Se abbiamo subito un torto e il ricordo di questa esperienza brucia dentro di noi, dobbiamo liberarci da questo disagio il più presto possibile. Non sempre, però, è possibile fare outing; le regole sociali imposte, le nostre credenze familiari, il modello comportamentale al quale siamo fedeli, bloccano l'azione di sputare il rospo. Cosa fare? Fare finta di niente, sperando che il disagio possa dileguarsi, è un meccanismo fallimentare e tossico per l'equilibrio emozionale. Ma se non posso gridare al diretto interessato tutto il risentimento che provo nei suoi confronti, come mi devo comportare? (Fonte immagine: facebook.com)

venerdì 21 ottobre 2011

Uscire da noi stessi (Out-of-Me)

Il comando imperativo per vivere più leggeri è il seguente: la vita ha senso solo quando usciamo da noi stessi. Cosa significa? Vuol dire che soltanto quando passiamo all'azione, ingannando le trappole paralizzanti della nostra mente e i sabotaggi dei pensieri intrusivi, possiamo aspirare a una maggiore libertà; libertà conquistata attraverso il disciplinato silenziamento dei programmi virali della mente, che può diventare un pericoloso nemico, se la sua pianificazione non viene accompagnata dall'azione. Azione significa generare una nuova realtà, una realtà in sintonia con quello che desideriamo. (Fonte immagine: opera di Pietro Romano)

venerdì 14 ottobre 2011

AgeGate Code 02

L'immagine mostra nel dettaglio la posizione del 18° anno di vita, nel quale il soggetto è stato esposto a un inaspettato evento avverso. Si nota un'intensa reazione cutanea sul punto di digitopressione, che conferma la positività del punto cronoattivo. La stimolazione del punto mediante le tecniche note (picchiettamento, laser-terapia a debolissima intensità e fotostimolazione accompagnata a floriterapia transdermica) facilita il rilascio delle memorie emozionali cristalizzate, eludendo in modo elegante i possibili sabotaggi operati dalla coscienza. Trattare il punto cronoattivo significa rispettare le regole del programma Out-of-Me, spostare cioè dall'interno all'esterno il carico tossico di eventi disturbanti. (Fonte immagine: archivio Di Spazio)

giovedì 13 ottobre 2011

AgeGate Code e Cronoriflessologia

La cronoriflessologia è una metodica basata su una speciale mappa, costituita dalla sequenza di 24 punti e chiamata AgeGate Code. I punti sono localizzati sulle emergenze ossee della colonna vertebrale e si comportano come porte biologiche del Tempo. La stimolazione del punto spinale converte il segnale spaziale nel suo omologo nella dimensione temporale. Toccare il punto spinale equivale a toccare il Tempo o meglio quella precisa finestra temporale (età), in cui è stato registrato un evento traumatico. La stimolazione del punto (picchiettamento, fotostimolazione, floriterapia transdermica e altro) consente l'apertura di queste misteriose porte e facilita il rilascio emozionale della memoria stressante. (Fonte immagine: archivio Di Spazio)

sabato 8 ottobre 2011

Incidenti e tempo quantistico

Migliaia di datazioni eseguite sulla biografia traumatica delle persone intervistate (età, alle quali si è stati esposti a un evento avverso) hanno messo in luce un aspetto molto significativo: gli incidenti, che noi tutti consideriamo frutto della casualità, in realtà manifestano un singolare comportamento. In altre parole l’età, in cui si viene esposti a questo evento inaspettato, costituisce una finestra temporale quantistica (time collapse), generata da un effetto sincronico. Immaginate la serie di rimbalzi effettuati da un sasso sulla superficie di uno stagno; possiamo configurare il momento in cui avviene l’incidente come uno di questi rimbalzi. Può trattarsi del momento in cui il sasso impatta per la prima volta sull’acqua oppure uno dei momenti successivi (poniamo per esempio un numero complessivo di 5 rimbalzi). L’età in cui avviene l’incidente può rappresentare anche il 3° di 5 rimbalzi. Cosa vuol dire? Significa che ci troviamo di fronte a eventi temporali che riproducono un matrice del passato (evento avverso passato), ma che possono anche anticipare segnali provenienti dalle regioni del futuro (evento avverso futuro). (Fonte immagine: archivio Di Spazio)

venerdì 7 ottobre 2011

Ebook gratuito al raddoppio

Ancora un grazie a tutti voi che avete raggiunto quota 200 scaricamenti in poco più di un mese! Sono onorato che il "Breviario di cronoriflessologia" possa essere letto da più persone, che avvertono il desiderio di esplorare i meccanismi più profondi e nascosti della vita. Il motivo per cui anche nel dolore della perdita di un familiare ci comportiamo come incredibili specchi, è il tema trattato nel breviario. La patomimesi è un fenomeno che in medicina è completamente ignoto; essere a conoscenza di questi meccanismi psicobiologici (essere specchi del dolore), ci aiuta a comprendere qualcosa in più del nostro corpo, di questa astronave lanciata negli abissi del Tempo e dello Spazio. (Fonte immagine: www.pablo-romanempire.blogspot.com)

mercoledì 5 ottobre 2011

Cura dei traumi e igiene emozionale

Non è più francamente possibile immaginare la medicina senza una profonda ed empatica considerazione del vissuto traumatico di un individuo. Perché limitare la nostra azione preventiva alla diagnosi precoce, all’igiene alimentare, all’attività fisica? Perchè non impegnarci invece su quella che io chiamo igiene emozionale? Si tratta di datare gli eventi avversi della biografia dell’individuo (lutti, separazioni affettive, conflitti lavorativi, etc.) e utilizzare le metodiche a nostra disposizione (la cronoriflessologia in primis) per facilitarne il rilascio emozionale. Solo alleggerendo il carico invisibile di questi traumi, possiamo contribuire a rendere più lieve il percorso esistenziale di chi incontriamo nella nostra professione. (Fonte immagine: archivio Di Spazio)

lunedì 3 ottobre 2011

L'Ebook, rivoluzione ecosensibile

Dopo l'invenzione della stampa a opera di Gutenberg, ecco profilarsi nel panorama attuale la seconda rivoluzione: quella degli ipertesti, il sapere svincolato dalla carta. Molto è stato detto e scritto sui vantaggi e sugli svantaggi di questa nuova forma di conoscenza, ma un elemento su tutti è da tenere in primaria considerazione. Per la prima volta in epoca moderna, ognuno di noi può partecipare attivamente alla conservazione del patrimonio forestale e contribuire così attraverso scelte consapevoli al rispetto delle risorse naturali. L'ipertesto può essere scaricato e letto in ogni angolo remoto della Terra, non è legato alla dissipazione delle foreste, è svincolato dall'inquinamento prodotto da inchiostro, stampa, colle, cellophane e consumo abnorme di energia elettrica. Questo prodotto virtuale non viene più trasferito fisicamente dalle tipografie ai distributori e dai distributori alle librerie e alle edicole. L'ebook è leggero, contribuisce alla libera condivisione delle conoscenze senza essere assoggettato alle regole mercantili delle case editrici; l'ebook è eterno, perchè molto spesso viene condiviso da più piattaforme digitali e non è legato alle fortune (o sfortune) commerciali del singolo editore: in sostanza, lunga e leggera vita all'ebook e a chi lo legge. (Fonte immagine: archivio Di Spazio)

domenica 2 ottobre 2011

Social Network e memoria individuale

L’identità individuale trova una esplosiva e drammatica affermazione nel momento in cui si comincia ad assegnare il nome alle persone, circa 8.000-10.000 anni fa. Da quel punto in avanti ha inizio il fenomeno culturale del lutto, dove si piange, si ricorda e si onora nelle cronache familiari chi non c’è più. Per molto tempo solo gli oggetti appartenuti al defunto rappresentano la sua unica traccia di memoria. La casta nobiliare è stata la sola, per moltissime generazioni, a conservare il ricordo dei defunti, commissionandone i ritratti. Solo l’avvento della fotografia ha rivoluzionato questa ingiustizia sociale (e affettiva), consentendo anche alle fasce meno abbienti di poter finalmente conservare un ricordo visivo degli Antenati. L’ultima rivoluzione di questo fenomeno antropologico è stato l’avvento dei social network, Facebook in testa, che consente la registrazione della vicenda biografica di ognuno di noi attraverso la condivisione di foto, filmati e pensieri. D’ora in poi sarà possibile rivedere all’infinito le immagini e sentire la voce anche di chi ha ormai concluso il viaggio terreno.

sabato 1 ottobre 2011

Usa la mente per azioni positive

Usa la mente per azioni positive! La mente è un programma molto elaborato per pianificare strategie in grado di incrementare la sopravvivenza dell'individuo e della specie. Un programma arcaico, che deve poter essere aggiornato, per superare i limiti imposti dallo schema condiviso della lotta: vinca sempre e solo il migliore. Questa versione del programma è finalizzata alla nostra conservazione, ma non per questo motivo dobbiamo limitarci ad essa. Se gli umani sono macchine percettive - come dimostrano le neuroscienze - la realtà diventa una funzione proiettiva dello schema percettivo di ogni individuo. Significa che è possibile modificare schemi e credenze condivise per generare in prima persona nuove configurazioni del Reale. Se ognuno di noi forza progressivamente i limitanti modelli dell'Ego per lanciarsi fuori di esso, si può configurare un nuovo modello di condivisione, dove noi stessi siamo in grado di produrre segnali armonici: generatori armonici per azioni positive, che facciano percepire più lievemente l'esperienza della vita a chi vive accanto a noi.

venerdì 30 settembre 2011

L'universo ricorda il suo passato?


Il matematico inglese Roger Penrose (1931) ipotizza nel suo ultimo libro che l'universo ricorda. In altre parole Penrose afferma che la cartografia dell'universo primordiale contiene non soltanto le matrici embrionali delle future galassie e dei sistemi, ma anche morfologie circolari che contrastano con il magma informe dei primi stadi di espansione: queste misteriose simmetrie circolari sarebbero la memoria delle onde gravitazionali lanciate alla fine dell'universo precedente dalla fusione e dal collasso dei buchi neri. Il matematico inglese ha chiamato questa sua ipotesi Teoria ciclica conforme e con essa evoca sostanzialmente la ciclicità dei tempi stagionali, la ripetizione cioè di cicli infiniti di espansione e contrazione: la persistenza delle bolle circolari indica che l'universo ricorda il suo passato. (Fonte immagine: www.wikideep.it)

giovedì 29 settembre 2011

Neutrini oltre la velocità della luce


I fisici a capo dell'esperimento Opera hanno comunicato alla stampa il risultato delle loro indagini nel campo delle alte energie: se i calcoli sono esatti, viene frantumato per la prima volta dopo 100 anni il tabù dei segnali supraluminali: significa la dimostrazione che è possibile superare il limite - considerato invalicabile - della velocità della luce. Se questi dati venissero confermati anche da altri laboratori indipendenti, la storia della fisica (e non solo) subirebbe uno scossone pari a quello scatenato dalle scoperte di Galileo Galilei. I neutrini muonici, protagonisti di questa eccitante avventura, introdurrebbero la variabile, per cui l'effetto anticipa la causa. Cose dell'altro mondo! (Fonte immagine: blog.ilmatematico.com)

giovedì 22 settembre 2011

Ebook gratuito di cronoriflessologia a quota 100


Un sincero ringraziamento a tutti coloro che hanno scaricato e letto l'ebook "Breviario di cronoriflessologia"! A meno di 20 giorni dal'uscita l'ebook è stato scaricato ben 100 volte grazie alla sensibilità e all'interesse di lettori, che si impegnano in un percorso di conoscenza della vita e dei suoi meccanismi intimi. Spazio e Tempo guidano il nostro cammino in questa dimensione e all'interno di questa griglia si manifestano le vicende terrene. Ancora grazie a tutti voi! (Fonte immagine: www.technorati.it)

domenica 11 settembre 2011

Ebook gratuito di cronoriflessologia


Il 3 settembre 2011 è stato caricato l'ebook gratuito dal titolo "Breviario di cronoriflessologia". Il tema di questo breviario è dedicato al fenomeno della patomimesi, un complesso meccanismo di natura energetico-quantistica, per cui chi è stato esposto al lutto può sviluppare nel tempo sintomi e disturbi che richiamano la sofferenza del congiunto scomparso.
Il documento si scarica direttamente dal sito: forum.simplicissimus.it/free/
Buona lettura a tutti voi!

venerdì 9 settembre 2011

Test cronoposturale e Fiori di Bach


Il test cronoposturale (Di Spazio-Martani) può essere utilizzato con grande attendibilità in sostituzione del test chinesiologico, quando è necessario scegliere un Fiore di Bach (o qualsiasi altro Rimedio) sulla base della risposta del Soggetto testato. Il test chinesiologico si basa sulla risposta del deltoide alla pressione mirata del Terapeuta e il cedimento muscolare indica negatività del test; quando invece il muscolo tiene, il rimedio testato è quello più idoneo; con il test chinesiologico si può eseguire un numero limitato di prove per la comparsa di affaticabilità del muscolo. Il test cronoposturale consente l'esecuzione di un numero elevato di prove, poichè la fiala tester viene semplicemente stretta nel palmo della mano sinistra. La scelta definitiva ricadrà su quella fiala tester (o boccetta), in grado di riportare il soggetto in stabilità posturale.

lunedì 5 settembre 2011

La mente errante 3


Torno sullo spinoso argomento della mente errante o meglio del Cattivo Suggeritore. La mente è un sofisticato dispositivo biologico, introdotto dal "casuale" processo evolutivo. La sua funzione è quella di precedere l'azione, generando scenari virtuali in grado di ottenere previsioni utili al successo. Se debbo raggiungere il centro di un'intricata foresta per abbeverarmi al fiume, è utile prevedere variabili pericolose come l'incontro sgradito con un orso famelico o con un gruppo di lupi.Questo vitale meccanismo di previsione diventa tossico nel momento in cui gli scenari virtuali vengono generati senza l'obiettivo di una azione vantaggiosa.

martedì 30 agosto 2011

Quota 10.000 in data 30 agosto 2011


Con oggi il numero degli accessi al sito ha sfondato quota 10.000. In appena più di 12 mesi - il sito di cronoriflessologia ha visto la luce il 1° agosto del 2010 - il vostro contributo di lettori attenti ha permesso di raggiungere questo importante traguardo. Qui non si parla di sport, di gossip, di moda o di politica, ma di quelle riflessioni utili a comprendere meglio il nostro destino di umani. Ecco perchè il traguardo dei 10.000 in un anno di attività è un segnale intenso di come le persone siano sensibili all'esplorazione dei significati reconditi della nostra esistenza. Le riflessioni postate sul sito sono il distillato di migliaia di colloqui terapeutici con i Sofferenti, che ci guidano con le loro parole e con il loro viaggio a comprendere meglio come siamo. (Fonte immagine: it.wikipedia.org)

domenica 28 agosto 2011

Workshop residenziale di cronoriflessologia in settembre 2011


Si avvicina con rapidità il prossimo appuntamento con il workshop residenziale di cronoriflessologia (23-25 settembre 2011). E' un'occasione importante poichè verranno introdotte nuove tematiche di intervento terapeutico ancora poco conosciute in Italia. Il nucleo didattico si estenderà infatti anche alle prove pratiche di cronoriflessologia plantare e, novità assoluta, all'introduzione dei Segni di Koerbler, segni e simboli utilizzati per la guarigione emotiva. Si tratta di segni geometrici da disegnare direttamente sui punti riflessi cutanei (colonna vertebrale, mappa riflessa del piede, punti energetici di agopuntura), che intervengono nei processi quantistici di riequilibrio vitale dell'organismo.

giovedì 11 agosto 2011

Nuovo ebook della collana DISPAZIOEBOOK


Sarà disponibile a breve il nuovo ebook di Vincenzo Di Spazio, intitolato: "Vademecum naturale per chi ha perso il seno". L'ebook, un piccolo manuale di auto-aiuto, è rivolto a chi affronta la diagnosi e la cura di cancro al seno; la sua finalità è quella di accompagnare con tatto e discrezione la persona durante l'impegnativo viaggio attraverso piccole strategie (nuovi modelli percettivi, identificazione positiva, floriterapia e altri consigli). Diventare parte attiva di questo cammino esistenziale, può influenzare positivamente l'attrazione del benessere emozionale, così importante nei momenti di incertezza e sofferenza.

Tessera numero 27


L'appuntamento fatale con il ventottesimo anno di vita sembra essere condiviso da una particolare tipologia di umani (ma non solo da loro, purtroppo), le personalità celebri del mondo dello spettacolo e in particolare della musica pop. Nel triste elenco di giovani, mancati in età prematura, aggiungo nel post odierno anche la figura di Brian Jones, chitarrista dei Rolling Stones, annegato in piscina nel luglio 1970. Questi casi clamorosi suggeriscono (come nei casi di persone comuni) che forse anche l'età del decesso non è un dato anagrafico puramente astratto, ma determinato da logiche quantistiche, che sfuggono ancora alla nostra primitiva comprensione. Se così fosse, noi umani rispondiamo a meccanismi spazio-temporali ignoti. Ripropongo l'elenco degli artisti mancati a 27 anni di età:
Amy Winehouse (14.09.1983 - 23.07.2011), mancata a 27 anni di età, 28°
Brian Jones, (28.02.1942 – 03.07.1969), mancato a 27 anni di età, 28°
Jimi Hendrix (27.11.1942 - 18-09.1970), mancato a 27 anni di età, 28°
Janis Joplin (19.01.1943 - 04.10.1970), mancata a 27 anni di età, 28°
Jim Morrison (08.12.1943 - 03.07.1971), mancato a 27 anni di età, 28°
Kurt Cobain (20.02.1967 - 05.04.1994), mancato a 27 anni di età, 28°
Jean-Michel Basquiat (22.12.1960 - 12.08.1988), mancato a 27 anni di età, 28°.

(Fonte immagine: it.paperblog.com)

mercoledì 10 agosto 2011

Appuntamento con il numero 27


Brillanti personalità del mondo artistico sono accomunate da un triste destino: l'appuntamento con il numero 27 nel tempo lineare della loro esistenza. Vediamo nel dettaglio:
Amy Winehouse (14.09.1983 - 23.07.2011), mancata a 27 anni di età, 28°
Jimi Hendrix (27.11.1942 - 18-09.1970), mancato a 27 anni di età, 28°
Janis Joplin (19.01.1943 - 04.10.1970), mancata a 27 anni di età, 28°
Jim Morrison (08.12.1943 - 03.07.1971), mancato a 27 anni di età, 28°
Kurt Cobain (20.02.1967 - 05.04.1994), mancato a 27 anni di età, 28°
Jean-Michel Basquiat (22.12.1960 - 12.08.1988), mancato a 27 anni di età, 28°.
Come sottolinea lo scrittore spagnolo Carlos Ruiz Zafon: "Le coincidenze sono le cicatrici del destino". (Fonte immagine:www.indiemusic.blogosfere.it)

giovedì 28 luglio 2011

Akasha e plasma spazio-tempo


Il termine Akasha in sanscrito significa "etere" e in Hindi "cielo". I registri akashici non riportano soltanto la memoria invisibile di tutti gli eventi della Terra, ma rappresentano i flussi del plasma spazio-tempo: sono l'antimateria della Memoria, la copia invisibile di tutti gli eventi. Ogni evento umano produce una matrice identificativa, che a sua volta genera due copie gemelle: la prima copia, quella interna, si deposita nel corpo e la seconda, quella esterna viene registrata nel plasma s-t (l'Akasha di tradizione orientale e l'Etere degli antichi). Le due copie mantengono stabile memoria del loro contenuto per effetto della specularità olografica reciproca: se una copia tende a deteriorarsi, l'altra ne corregge l'informazione e viceversa. Ecco perchè la memoria di eventi avversi passa da una generazione umana alla successiva senza dispersione. Il segnale si conserva per effetto di vettori biologici (il genoma) e di vettori quantistici (la copia registrata nel plasma).

mercoledì 27 luglio 2011

Destino e plasma spazio-tempo


Il plasma spazio-tempo, nel quale viviamo immersi dall'inizio alla fine del ciclo vitale, rappresenta anche il nostro Destino? Possiamo rispondere affermativamente, visto che le onde generate nel plasma producono spostamenti e variazioni, che noi percepiamo come eventi. Ma l'informazione di questi eventi è collocata in regioni precise del tempo, dove il concetto di passato, presente e futuro riveste un semplice ruolo interpretativo per la Mente. Quest'ultima è programmata al riconoscimento del Tempo Lineare (la freccia unidirezionale dal passato a futuro) e della Realtà Locale. Il nostro inconscio e il corpo sono orientati anche nella dimensione del Tempo non-lineare e della Realtà non locale, rispondendo come amplificatori biologici alle increspature, generate nel plasma. (Fonte immagine: www.astronomia.com).

mercoledì 20 luglio 2011

Biotimemachine 03 (il Suggeritore)


Molto spesso la mente si comporta come un cattivo Suggeritore; inibisce l'azione per non perdere terreno e per mantenere una posizione di assoluta dominanza. Vi siete accorti che la mente genera vortici incontrollabili di emozioni e pensieri, che non trovano sfogo nell'azione? Questa perversa dinamica si esaurisce nella ripetizione ossessivi di schemi proiettivi senza che il segnale interno possa riprodursi fuori dal paesaggio corporeo. La mente gioca un ruolo potente e condizionante sulla nostra vita, ostacolando il passaggio all'azione: il pensiero positivo è poca cosa, se non viene seguito dall'azione positiva. Agire presuppone il transitorio silenzio della mente e consente la registrazione del movimento nel plasma spazio-tempo, che fissa stabilmente la matrice dell'azione.

mercoledì 13 luglio 2011

Biotimemachine 02


Il Corpo Temporale è ibridato con il Corpo Energetico, questa è la novità. Ogni flusso nella rete dei meridiani e dei chakra è dipendente dalle attrazioni esercitate dagli eventi avversi registrati. Il turbine di emozioni distruttive attivate dall'esposizione traumatica modifica il flusso energetico in maniera persistente. Il corpo è in salute fino a quando la sollecitazione di messaggi conflittuali è al di sotto del livello soggettivo di tolleranza; superata questa soglia, l'informazione viene stabilmente congelata nello specchio interno del corpo e nella sua proiezione olografica nel plasma spazio-tempo. In altre parole la matrice di un evento avverso esibisce un duplice comportamento: genera due copie olografiche gemelle, una registrata nel Corpo Temporale e l'altra nel plasma. (Fonte immagine: www.rlangone4.blogspot.com).

lunedì 11 luglio 2011

Biotimemachine 01


Dal concepimento alla fine del suo ciclo vitale il corpo interagisce con il plasma spazio-tempo, nel quale è totalmente immerso. Questo significa -in altri termini- che si comporta come un sensibilissimo recettore temporale (cronocettore sistemico), in grado di rispondere non soltanto alle informazioni del passato (le ormai celebri increspature del plasma) e del presente, ma risuona parimenti con i flussi provenienti dal tempo futuro. I segnali si modificano attraverso la generazione di matrici di eventi, localizzate nelle più disparate regioni temporali; ma le matrici modificano costantamente le dinamiche del plasma, che viene informato della loro presenza. Tutto ciò che avviene, viene immediatamente registrato dal plasma che si comporta come uno stampo in negativo. Gli eventi avversi (traumi, shock psicoemotivi) esibiscono una forza attrattiva straordinaria, in grado di bloccare l'individuo all'interno di un circuito temporale (chronoloop) ripetitivo. Per questo motivo le tecniche di rilascio emozionali svolgono una funzione così importante: sono le tenaglie che spezzano (o almeno allentano) le catene invisibili dei brutti ricordi. (Fonte immagine: www.genitronsviluppo.com).

giovedì 7 luglio 2011

Il corpo, misteriosa macchina del tempo (biotimemachine)


Mente e corpo sono due entità in reciproco contatto, ma anche in perenne conflitto. Le mente organizza le sue credenze sulla base delle esperienze acquisite e su quelle tramandate dalla specie. Il corpo è, in sostanza, la condensazione irripetibile di memoria e tempo in questa dimensione, è il vettore biologico, che consente l'esperienza della vita, così come noi possiamo percepirla. Senza il contributo unico del corpo ci sarebbe negato l'attraversamento nelle increspature del plasma spazio-tempo. Il corpo ci viene dato in dotazione al concepimento con tutte le sue imperscrutabili asimmetrie e con un bagaglio di memorie stratificate, che si perde nella notte dei tempi. Il corpo continua il suo lunghissimo viaggio oltre l'orizzonte limitato della mente, orientato su mappe criptiche derivate dal moto ondoso del plasma. (Fonte immagine: lauratani.myblog.it).

lunedì 4 luglio 2011

Memorie genetiche di eventi avversi


Le indagini sperimentali avviate in cronoriflessologia e le evidenze scaturite dagli studi del genosociogramma (Schuetzenberger) ipotizzano un collegamento fra il bagaglio mnestico dell'individuo (ciò che noi identifichiamo come vissuto) e quello originato dal passato familiare (memorie genetiche). Cosa significa? Vuol dire, in altre parole, che il corso dell'esistenza non viene influenzato soltanto dalle esperienze traumatiche dell'individuo, ma è gravato anche dall'effetto di eventi avversi, consumatisi tempo prima del suo concepimento. La coscienza si trova ad affrontare minacce oscure, che non può in alcun modo interpretare, e per questo motivo deve generare spiegazioni arbitrarie e totalmente errate. L'accensione della risposta di stress può collegarsi a eventi avversi molto lontani nell'orizzonte temporale e somiglia da vicino all'osservazione di un'esplosione stellare, avvenuta milioni di anni fa. (Fonte immagine: www.physorg.com)

giovedì 30 giugno 2011

Riflesso posturale e traumi emotivi


L'equilibrio posturale è la sommatoria dei riflessi periferici integrati con quelli centrali (propriocettori plantari, spinali, cefalici, enterocettori). Il test cronoposturale (cfr. infobox) aggiunge un altro parametro biologico al complicato meccanismo posturale: la postura viene influenzata dalla stratificazione dei segnali di memoria traumatica. Sottoponendo l'individuo al test CP (cronoposturale) mediante stimolazione leggera del punto spinale collegato all'età del trauma, si osserva un'oscillazione corporea. La semplice applicazione del cerotto transdermico sul riflesso plantare del punto vertebrale, corrispondente all'età del trauma, (cronoriflessologia plantare) genera un immediato ripristino della stabilità posturale. (Fonte immagine: www.schizophrenos.blogspot.com)

domenica 26 giugno 2011

Floriterapia transdermica (Flowertaping)


L'uso dei cerotti transdermici con i Fiori di Bach aggiunge nuove possibilità di intervento, in particolare nella cronoriflessologia spinale e in quella plantare. I cerotti hanno il vantaggio di agire sui punti riflessi senza richiedere il continuo intervento dell'operatore e ne consentono l'uso domiciliare tra una sessione e quella successiva. Un impiego particolarmente utile dei cerotti è quello relativo ai bambini, che in questo modo possono essere trattati comunque con la floriterapia di Bach, evitando l'assunzione orale delle essenze, che contengono una quota di alcool. Il ventaglio applicativo della Foriterapia di Bach si estende così in forme di utilizzo diversificate, che ne consente una più ampia condivisione; la guarigione emotiva apre la strada anche a quella somatica. (Fonte immagine: archivio Di Spazio)

lunedì 20 giugno 2011

Ebook "La mappa dei traumi emotivi sul piede"


Un nuovo nato si aggiunge alle edizioni digitali di sbf narcissus, l'ebook "La mappa dei traumi emotivi sul piede". L'opera nasce dall'attività di ricerca clinica e sperimentale, iniziata nel 1996 con la scoperta della mappa del Tempo sui punti della colonna vertebrale. L'ebook, appena pubblicato, è stato espressamente pensato in primis per tutti quei riflessologi plantari, che abbiano interesse nell'utilizzo di una singolare tecnica neuro-emozionale che faciliti il rilascio dei traumi: la cronoriflessologia plantare. La stimolazione dei punti plantari del Tempo connette l'operatore con la memoria somatica dell'evento stressante, perchè possa essere finalmente liberato (Out of Me) il carico tossico delle emozioni congelate. Buona lettura!

sabato 18 giugno 2011

Il tempo invertito e la cellula tumorale


In natura il Tempo ciclico obbedisce a una sequenza prefissata di eventi: il concepimento, la nascita, lo sviluppo, la maturazione, la senescenza e infine l’estinzione. La direzione non può essere di norma invertita, tranne in un caso speciale: la genesi del cancro. In questo caso si assiste a una incredibile inversione della freccia temporale, che riporta indietro i processi di differenziazione verso una matrice totipotente, analoga a quella delle cellule staminali. Le cellule tumorali esibiscono – a differenza di quelle sane – una inspiegabile inversione della freccia del Tempo, che ne sovverte la naturale e biologica linearità. Questa riflessione indica che anche nell’universo dominato dalle leggi biologiche, il Tempo può comportarsi con modalità affini a quanto avviene in fisica quantistica. (Fonte immagine: www.mister-x.it)

giovedì 16 giugno 2011

Il cammino verso una vera sensibilità empatica

In un post precedente (Da umanoidi a umani) si era riflettuto sulla lentezza evolutiva spirituale di noi umanoidi, che trascorriamo l'esistenza nella prigione di un ego ipertrofico e generatore di flussi disarmonici. I danni prodotti dalla necessità di porre noi stessi al centro della scena sono direttamente proporzionali al disprezzo verso la libertà e la sensibilità di chi ci circonda in questo mondo. Il percorso di questa esistenza nel plasma spazio-tempo, in cui siamo costantemente immersi dal concepimento alla fine, occulta un fondamentale messaggio: coltiviamo la nostra sensibilità empatica per divenire più leggeri e per generare flussi non distruttivi. (Fonte immagine: flickr.com)

giovedì 9 giugno 2011

L'imponderabile memoria del corpo


All'interno del plasma spazio-tempo la coscienza si comporta come chi cammina oscurato da un cappuccio, che impedisce la visione. Attraverso le maglie del cappuccio possiamo intravedere sagome confuse, senza riuscire a identificarle. Per questo motivo la coscienza genera possibili scenari, capaci di giustificare la percezione di ciò che viene chiamato mondo reale. Il tempo vissuto dalla mente è una riproduzione virtuale di una sequenza più o meno ordinata di scene, la nostra biografia. Ma il tempo che annulla le distanze fra noi umani moderni e i nostri progenitori è contenuto nello spazio del gene, memoria della memoria, e nelle asimmetrie del paesaggio corporeo, che ricordano chi ci ha preceduto in questo lungo viaggio.

martedì 31 maggio 2011

Out of Me e proiezioni della mente


La mente è un dispositivo biologico, affinato nel tempo lunghissimo della nostra evoluzione, con il preciso incarico di elaborare strategie vincenti di sopravvivenza.
I meccanismi analitici della mente (quale decisione prendere nel contesto di scelte differenziate) sono condizionati dall'impianto emozionale (come dimostrato in molti studi di neurobiologia) dell'individuo. Se nella fase di stress acuto la risposta è vincolata dalle due opzioni combatti o fuggi (Fight-or-Flight), in altre condizioni la mente può esercitare le sue doti discriminanti per elaborare una possibile soluzione vantaggiosa. Ma spesso la mente viene disorientata da proiezioni infestanti, che conducono il sistema in errore. Credenze dominanti e pensieri intrusivi possiedono la forza attrattiva di replicanti virali che affollano la mente, saturandone gli orizzonti decisionali. In questi casi è necessario interrompere il flusso inconcludente delle proiezioni mentali, generando un'azione, una qualsiasi azione (Out of Me) nel mondo reale. Emozioni, sentimenti e pensieri sono energia, che deve prendere forma fuori di noi, nel tempo e nello spazio. (Fonte immagine: wwww.psicologia-energetica.it)

sabato 28 maggio 2011

Il non detto familiare


Scrive la psicanalista francese Francoise Dolto (1908-1988): "Ciò che viene taciuto nella prima generazione, la seconda lo porta nel corpo." Cosa ci vuole comunicare la grande studiosa dell'inconscio? I segreti e i tabù familiari generano matrici energetiche disarmoniche, che si sedimentano nella memoria psicologica di coloro che sanno, ma non parlano. Il non detto degli Antenati si trasforma da memoria psicologica a memoria biologica nei discendenti. Un esempio? Se nelle cronache familiari viene occultata l'identità di una prozia, colpevole di essersi innamorata di un collaborazionista durante la Seconda Guerra Mondiale, questa esclusione sarà compensata da un altro attore inconsapevole. Come? Soffrendo improvvisamente di alopecia (caduta patologica dei capelli) come imitazione della colpevole, fatta sfilare alla fine del conflitto nella via principale del paese con i capelli rasati e un cartello sul petto con la scritta "Svergognata". (Fonte immagine: www.blog.alfemminile.com)

venerdì 27 maggio 2011

Il centauro Chirone e il plasma spazio-tempo


Il centauro Chirone, esperto delle arti mediche, richiama sul piano simbolico gli elementi che ricorrono in cronoriflessologia. Viene generato dal dio Crono (il Tempo), che per sedurre la ninfa Filira (in greco antico il nome del tiglio, pianta dalle proprietà calmanti), si trasformò in cavallo; Filira, madre di Chirone è la figlia di Oceano (simbologia dell'acqua). Il Centauro nasce dall'unione del Tempo e dell'Acqua (il plasma spazio-tempo) e per sua natura è immortale. Durante uno scontro viene colpito da una freccia avvvelenata, scagliata da Eracle: la ferita inguaribile tormenta Chirone, che, disperato, scambia la sua immortalità con Prometeo, per porre fine alle sofferenze. La ferita inguaribile si riconduce al tema del ricordo che non può essere cancellato e che genera nell'umano un continuo tormento interiore. (Fonte immagine: www.creaturemagiche.blogspot.com)

martedì 24 maggio 2011

Il plasma spazio-tempo


Non dobbiamo dimenticare che noi umani siamo specchi e immagini riflesse. Il nostro sforzo per aiutare gli altri viandanti lungo il viaggio terreno, aiuta noi stessi per primi. Il plasma spazio-tempo ricorda tutto quello che accade; emozioni, eventi, credenze e intenzioni sono matrici energetiche che generano flussi armonici o disarmonici a seconda della sorgente.
L'immersione nel plasma spazio-tempo, dal concepimento fino al termine del ciclo biologico, è la condizione che governa la nostra esistenza: ogni impercettibile increspatura generata nel plasma produce sempre effetti nel breve e nel lunghissimo termine, nella breve e nella lunghissima distanza.

Come raggiungere l'Ambulatorio di Omeopatia Dr. Di Spazio

Tag Cloud (etichette)

100000 contatti (1) A (1) accettazione (1) Acquired savant syndrome (1) adattogeno emozionale (1) Age-Taping (2) AgeGate Code (2) Akasha (1) Albero genealogico e traumi (1) Alibi (1) Anne Ancelin Schuetzenberger (2) Aquanesting (4) aromaterapia (1) arte dello spostamento (1) astenia post-dialitica (1) attaccamento (1) Attacchi di panico (1) avere naso (1) azione positiva (4) biotimemachine (4) breviario di cronoriflessologia (1) Brian Weiss (1) Bruce Lipton paura (1) campi e.m. deboli (1) cattivo suggeritore (1) cellula tumorale (1) CFS/ME (1) chakra del tempo (1) Chirone (1) chronoloop (1) ciclicità (1) convegno MyLife 2010 (1) Convegno Sirmione 2013 (1) corpo come astronave (1) corpotempo (1) Corso residenziale di Floriterapia integrata (1) corteccia entorinale (1) credenze (2) cronocettore sistemico (1) cronoriflessologia (3) cronoriflessologia plantare (4) Cronosomatica (1) cyber-therapy (1) debolezza da dialisi (1) Defusione Cognitiva a Mediazione Computazionale (2) Defusione Cognitiva a Mediazione Sensoriale (5) Destino (1) Ebook (2) Ebook "Positive Making. La Mente è gelosa dell'Azione" (1) Ebook di Stefano Scola (1) ebook gratuito (1) Edward Bach (2) Ego rettiliano (1) elephant memory (1) elettrosmog (2) Elettrosmog e Fiori di Bach (1) emoji (1) emozioni (2) Empaticità (1) Erich Koerbler (2) età-chiave (1) eventi avversi (1) eventi traumatici (1) Falsa allerta (1) fare spallucce (1) fiori di Bach (1) fiori di BachI (1) Floriterapia (1) floriterapia transdermica (1) flowertaping (1) fotomedicina (1) fototerapia auricolare (1) Fototerapia transcranica (1) Francoise Dolto (1) fratture ossee (1) genealogia (1) Giudizio della Mente (1) giudizio della Mente Errante (1) giudizio sentito (2) Gli Gnomi dei Fiori Guaritori (4) glioblastoma multiforme (1) Gregg Braden (1) Human Charger (1) I (2) i 24 chakra del tempo (2) igiene emozionale (2) il corpo non dimentica (1) Il Mantra dell'Azione (1) il non detto familiare (1) il pianto ciclico del lattante (2) il Presente (1) il Suggeritore (1) incidente (1) incidenti (2) inconscio transgenerazionale (1) indecisione (1) inversione della sequenza causa-effetto (1) ipospadia (1) key-age (1) Kitaro (1) L (1) la mappa dei traumi emotivi sul piede (1) la tecnica del pesce scivoloso (1) la tecnica del tronco disteso (2) Le polmoniti di marzo. Il gene emozionale (1) legge di attrazione (1) legge di attrazione temporale (1) lutto negato dell'aborto (1) macropinna microstoma (1) mani giunte sulla punta del naso (1) Mantra dell'Albero Senza Nome (1) Massimiliano I (1) materializzare le emozioni (1) matrix transformation (1) meccanismi di protezione (1) Medicina del Quando (1) memoria ancestrale (1) memoria somatica (1) memorie genetiche (1) mente (6) mente errante (14) musicoterapia (2) neutrini muonici (1) numero 27 (2) numero sette (2) offline (1) orbs (1) Osiride (1) osteopatia cronosomatica (1) Out of Me (8) Out-of-Me (2) passato reversibile (1) patomimesi transgenerazionale (1) paura (2) pensiero positivo (1) plasma spazio-tempo (8) Postcard from Now and Here (3) Predoi (1) proiezioni mentali (1) psicologia energetica (1) PTSD (1) punto cronoattivo (1) Puppentherapie (1) qui e ora (1) rame (1) Respiraction Week (1) Richard Bartlett (1) riflesso posturale (1) rino capitanata (1) rivoluzione ecosensibile (1) Robert St John (1) salvagenti (1) savantismo acquisito (1) segni di Koerbler (2) Seminario gratuito (1) sensibilità empatica (1) senso della leggerezza (1) senso di colpa (1) separazione (1) sfida evolutiva (1) sindrome d'anniversario (1) sindrome da stanchezza cronica (1) sindrome del vicolo cieco (1) Sms Emozionale (1) solvitur ambulando (1) Somatoglottologia (1) Somatoglottology (4) speleoterapia (6) stress (1) stress da disabilità anagrafica (1) Stress-related Age PointsFonte (1) successo (1) tabù familiare (1) Tatuaggio (1) TCBLT (1) tempo e spazio (1) tempo interstiziale (1) Tempo invertito (1) tempo non-lineare (1) tempo post-riproduttivo (2) tempo quantistico (2) tempo quantizzato (1) Tempo-che-non-scorre (1) teoria ciclica conforme (1) terapeutico (1) terapia metamorfica (1) terapia realtà virtuale (1) test cronoposturale (2) Tiranno Interiore (1) trauma (1) traumi (1) Ty Ziegel (1) umanoidi (2) Vademecum naturale per chi ha perso il seno (1) variabilità frequenza cardiaca (1) viaggio esteriore (2) Vincenzo Di Spazio (1) visualizzazione (2) vita di coppia (1) vivere più leggeri (1) workshop Nutriva 2014 (1)

Il Canto degli Antenati (video)

Sensibilità Chimica Multipla (M.C.S.)

Sensibilità Chimica Multipla (M.C.S.)
La Sensibilità Chimica Multipla (MCS) è una sindrome immuno-tossica infiammatoria simile, per certi versi, all’allergia e molto spesso scambiata con essa, poiché i sintomi appaiono e scompaiono con l’allontanamento dalla causa scatenante, ma le sue dinamiche e il suo decorso sono completamente diversi, ovvero si perde per sempre la capacità di tollerare gli agenti chimici (questo dal I° stadio). E’ una sindrome multisistemica di intolleranza ambientale totale alle sostanze chimiche, che può colpire vari apparati ed organi del corpo umano: “Le sostanze chimiche danneggiano il fegato e il sistema immunitario sopprimendo la mediazione cellulare che controlla il modo in cui il corpo si protegge dagli agenti estranei; i sintomi si verificano in risposta all'esposizione a molti composti chimicamente indipendenti e presenti nell'ambiente in dosi anche di molto inferiori da quelle tollerate dalla popolazione in generale”.