Benvenuti sul blog di cronosomatica

  • Temi del blog: cronosomatica, psicobiologia del trauma emotivo, riflessioni e strategie di sopravvivenza per vivere più leggeri

mercoledì 26 gennaio 2011

A proposito di passato e genetica ("i geni di chi va si accendono in chi resta")

La cronoriflessologia è una metodica a mediazione corporea inserita nel panorama della psicologia energetica. La stimolazione dei punti riflessi sulla Linea del Tempo, che attraversa la colonna vertebrale dall'alto in basso e viceversa, consente di aprire varchi nelle stanze della memoria.
Qui si intende non la memoria in generale, ma la sedimentazione profonda, la cristallizzazione, di eventi traumatici. Il vissuto personale si intreccia con quello familiare senza soluzione di continuo. Siamo - in altre parole - un gioco di specchi, che riflette all'infinito informazioni del presente, del passato (e forse del futuro). Questo moto incessante della memoria è matematicamente condizionato dalle griglie del tempo, che si manifesta sotto forma di ricorrenza ciclica di echi del passato. Noi siamo qui, ma siamo anche spostati indietro nel tempo delle generazioni passate. Scrive con grande acume e delicatezza il giornalista Giacomo Papi:
"...Come se si intuisse che forse, quando qualcuno muore, i suoi figli iniziano ad assomigliargli di più poichè i geni di chi va si accendono in chi resta. La vita che rimane diviene, da quell'istante, un tentativo di fare i conti con l'assenza e la permanenza, una danza silenziosa tra il distinguersi e l'assomigliare." (Fonte: Papi G. Le pompe funebri. D- La Repubblica 2011 Jan;726:40.)

domenica 16 gennaio 2011

Il lutto negato dell'aborto e la formula di commiato

Nella società moderna l'aborto (spontaneo o procurato) viene considerato alla stregua di un "incidente di percorso", frequente nella vita riproduttiva di ogni donna. L'effetto prodotto è quello di un lutto negato, dove l'oggetto d'amore, il bambino mai nato, deve essere rimosso dalla memoria della madre. Ma le leggi dell'inconscio seguono vie diverse da quelle della società e gli eventi dolorosi come il lutto dell'aborto lasciano una traccia profonda nel cuore di ogni madre.
Inoltre il "bambino rimosso" non viene quasi mai inserito nell'ordine di filiazione, creando le basi per un sovvertimento gerarchico all'interno dell'organismo familiare; molto diffuso è il caso del falso primogenito, un bambino nato che occupa il posto di chi lo ha preceduto (l'Abortito).
In ogni modo è importante dare identità al bambino mai nato, assegnandogli un nome e considerare l'idea di pronunciare o scrivere una formula di commiato.
"Caro/a (il nome del piccolo/a), anche se il tempo trascorso insieme è stato troppo breve per tutti noi, ti amiamo e ti onoriamo. Grazie di essere nel nostro cuore. I tuoi genitori e i tuoi fratellini".

sabato 8 gennaio 2011

Gestire positivamente il tempo post-riproduttivo

Molto spesso diventa difficile riorentare il progetto dell'esistenza dopo aver soddisfatto le pressioni biologiche e sociali della riproduzione. La memoria arcaica, che guida i processi di accoppiamento e di riproduzione, è una matrice codificata in profondità nell'umano come nelle altre specie viventi. Ma cosa accade nel momento in cui i processi riproduttivi sono andati a buon fine? La risposta sembra semplice e scontata: seguire l'educazione dei figli fino alla loro maturità e poi lasciarli andare. Il comportamento di molte coppie, approdate a questa particolare fase della vita, sembra tradire -in parte- questa evidenza. Spesso interviene una crisi relazionale, che pone le basi per un reciproco allontanamento; separazione, divorzio, fine di un ciclo e inizio di una nuova fase, che riproduce -nella maggior parte dei casi- un modello identico a quello passato. Cambiano gli attori, ma la trama resta immodificata.
Vengono generati altri figli (di secondo letto, di terzo letto, etc.), si arredano nuovi appartamenti, si acquistano nuovi mobili. Tutto questo avviene per una libera scelta dell'individuo, o perchè le pressioni della memoria arcaica sono troppo potenti e invasive?

lunedì 3 gennaio 2011

Macropinna microstoma e il destino umano

Il video, postato il 1° gennaio 2011, mostra le eccezionali immagini di Macropinna microstoma, una creatura marina, che vive negli abissi oceanici ed è contraddistinta da una bizzarra protuberanza cefalica trasparente. Perchè queste immagini? Perchè questo inquietante abitante degli abissi marini richiama da vicino il destino di noi umani, immersi negli abissi del Tempo. Come il pesce solitario, nuotiamo ignari nel buio e siamo sottoposti a correnti, predatori e pressioni estreme.
Solo sviluppando la magica arte dell'affetto, della condivisione e della solidarietà, possiamo sperare di vivere con dignità e lasciare un'impronta lucente del nostro passaggio.

Come raggiungere l'Ambulatorio di Omeopatia Dr. Di Spazio

Tag Cloud (etichette)

100000 contatti (1) A (1) accettazione (1) Acquired savant syndrome (1) adattogeno emozionale (1) Age-Taping (2) AgeGate Code (2) Akasha (1) Albero genealogico e traumi (1) Alibi (1) Anne Ancelin Schuetzenberger (2) Aquanesting (4) aromaterapia (1) arte dello spostamento (1) astenia post-dialitica (1) attaccamento (1) Attacchi di panico (1) avere naso (1) azione positiva (4) biotimemachine (4) breviario di cronoriflessologia (1) Brian Weiss (1) Bruce Lipton paura (1) campi e.m. deboli (1) cattivo suggeritore (1) cellula tumorale (1) CFS/ME (1) chakra del tempo (1) Chirone (1) chronoloop (1) ciclicità (1) convegno MyLife 2010 (1) Convegno Sirmione 2013 (1) corpo come astronave (1) corpotempo (1) Corso residenziale di Floriterapia integrata (1) corteccia entorinale (1) credenze (2) cronocettore sistemico (1) cronoriflessologia (3) cronoriflessologia plantare (4) Cronosomatica (1) cyber-therapy (1) debolezza da dialisi (1) Defusione Cognitiva a Mediazione Computazionale (2) Defusione Cognitiva a Mediazione Sensoriale (5) Destino (1) Ebook (2) Ebook "Positive Making. La Mente è gelosa dell'Azione" (1) Ebook di Stefano Scola (1) ebook gratuito (1) Edward Bach (2) Ego rettiliano (1) elephant memory (1) elettrosmog (2) Elettrosmog e Fiori di Bach (1) emoji (1) emozioni (2) Empaticità (1) Erich Koerbler (2) età-chiave (1) eventi avversi (1) eventi traumatici (1) Falsa allerta (1) fare spallucce (1) fiori di Bach (1) fiori di BachI (1) Floriterapia (1) floriterapia transdermica (1) flowertaping (1) fotomedicina (1) fototerapia auricolare (1) Fototerapia transcranica (1) Francoise Dolto (1) fratture ossee (1) genealogia (1) Giudizio della Mente (1) giudizio della Mente Errante (1) giudizio sentito (2) Gli Gnomi dei Fiori Guaritori (4) glioblastoma multiforme (1) Gregg Braden (1) Human Charger (1) I (2) i 24 chakra del tempo (2) igiene emozionale (2) il corpo non dimentica (1) Il Mantra dell'Azione (1) il non detto familiare (1) il pianto ciclico del lattante (2) il Presente (1) il Suggeritore (1) incidente (1) incidenti (2) inconscio transgenerazionale (1) indecisione (1) inversione della sequenza causa-effetto (1) ipospadia (1) key-age (1) Kitaro (1) L (1) la mappa dei traumi emotivi sul piede (1) la tecnica del pesce scivoloso (1) la tecnica del tronco disteso (2) Le polmoniti di marzo. Il gene emozionale (1) legge di attrazione (1) legge di attrazione temporale (1) lutto negato dell'aborto (1) macropinna microstoma (1) mani giunte sulla punta del naso (1) Mantra dell'Albero Senza Nome (1) Massimiliano I (1) materializzare le emozioni (1) matrix transformation (1) meccanismi di protezione (1) Medicina del Quando (1) memoria ancestrale (1) memoria somatica (1) memorie genetiche (1) mente (6) mente errante (14) musicoterapia (2) neutrini muonici (1) numero 27 (2) numero sette (2) offline (1) orbs (1) Osiride (1) osteopatia cronosomatica (1) Out of Me (8) Out-of-Me (2) passato reversibile (1) patomimesi transgenerazionale (1) paura (2) pensiero positivo (1) plasma spazio-tempo (8) Postcard from Now and Here (3) Predoi (1) proiezioni mentali (1) psicologia energetica (1) PTSD (1) punto cronoattivo (1) Puppentherapie (1) qui e ora (1) rame (1) Respiraction Week (1) Richard Bartlett (1) riflesso posturale (1) rino capitanata (1) rivoluzione ecosensibile (1) Robert St John (1) salvagenti (1) savantismo acquisito (1) segni di Koerbler (2) Seminario gratuito (1) sensibilità empatica (1) senso della leggerezza (1) senso di colpa (1) separazione (1) sfida evolutiva (1) sindrome d'anniversario (1) sindrome da stanchezza cronica (1) sindrome del vicolo cieco (1) Sms Emozionale (1) solvitur ambulando (1) Somatoglottologia (1) Somatoglottology (4) speleoterapia (6) stress (1) stress da disabilità anagrafica (1) Stress-related Age PointsFonte (1) successo (1) tabù familiare (1) Tatuaggio (1) TCBLT (1) tempo e spazio (1) tempo interstiziale (1) Tempo invertito (1) tempo non-lineare (1) tempo post-riproduttivo (2) tempo quantistico (2) tempo quantizzato (1) Tempo-che-non-scorre (1) teoria ciclica conforme (1) terapeutico (1) terapia metamorfica (1) terapia realtà virtuale (1) test cronoposturale (2) Tiranno Interiore (1) trauma (1) traumi (1) Ty Ziegel (1) umanoidi (2) Vademecum naturale per chi ha perso il seno (1) variabilità frequenza cardiaca (1) viaggio esteriore (2) Vincenzo Di Spazio (1) visualizzazione (2) vita di coppia (1) vivere più leggeri (1) workshop Nutriva 2014 (1)

Il Canto degli Antenati (video)

Sensibilità Chimica Multipla (M.C.S.)

Sensibilità Chimica Multipla (M.C.S.)
La Sensibilità Chimica Multipla (MCS) è una sindrome immuno-tossica infiammatoria simile, per certi versi, all’allergia e molto spesso scambiata con essa, poiché i sintomi appaiono e scompaiono con l’allontanamento dalla causa scatenante, ma le sue dinamiche e il suo decorso sono completamente diversi, ovvero si perde per sempre la capacità di tollerare gli agenti chimici (questo dal I° stadio). E’ una sindrome multisistemica di intolleranza ambientale totale alle sostanze chimiche, che può colpire vari apparati ed organi del corpo umano: “Le sostanze chimiche danneggiano il fegato e il sistema immunitario sopprimendo la mediazione cellulare che controlla il modo in cui il corpo si protegge dagli agenti estranei; i sintomi si verificano in risposta all'esposizione a molti composti chimicamente indipendenti e presenti nell'ambiente in dosi anche di molto inferiori da quelle tollerate dalla popolazione in generale”.